mondo giapponese

bleach,full metal alchemist,naruto,dragon ball e altri.......
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 mille falchi(chidori)

Andare in basso 
AutoreMessaggio
shinigami95
Admin
avatar

Messaggi : 104
Data d'iscrizione : 29.01.08

MessaggioTitolo: mille falchi(chidori)   Gio Gen 31, 2008 2:16 pm

Mille Falchi, ("Chidori"), una delle tecniche utilizzate nella serie manga e anime Naruto; in particolare l'unica tecnica inventata da Hatake Kakashi, Jonin del villaggio della foglia. detta "Mille-Falchi", termine derivato dal suono emesso durante l' attivazione della tecnica, simile al frastuono di uno stormo di volatili. un colpo a corto raggio di livello A. Consiste nel ricomporre fisicamente il chakra in elettricit, per poi scomporlo di nuovo per farlo scaricare, determinando in questo modo la forza e la potenza dell'attacco. Per poter utilizzare appieno questa tecnica necessaria la Kekkei genkai dello Sharingan, indispensabile per potere seguire la velocit fulminea della tecnica. Viene anche definita Taglio del Fulmine (Raikiri), e il suo scopo principale l'assassinio.
utilizzo
E' un ninjutsu, che richiede determinate attitudini, e una capacit di movimento molto elevata. A conoscerla e ad usarla al momento sono due ninja del villaggio della foglia che possiedono lo sharingan: Kakashi Hatake e Sasuke Uchiha. Per usare questa tecnica si deve possedere un chakra che sia predisposto a ricomporsi fisicamente nell'elemento fulmine.Essendo una tecnica di livello A adatta ai jonin e ai Chunin pi esperti. Ciononostante, non essendo una tecnica sviluppata per il combattimento, essa viene prediletta soprattutto da coloro che usano lo Sharingan, e che quindi hanno modo di prevedere i movimenti dell'avversario e di anticiparli.Visualmente, il Chidori si presenta come una massa elettrica contenuta nella mano preferita dell'utilizzatore. per attivarla vengono richiesti le posizioni (in ordine) di: Toro, coniglio, scimmia (anche se ce ne sono pi versioni differenti). Addirittura, Sasuke riesce ad attivarla senza bisogno di posizioni. Il Chidori nel suo stato normale permette di passare attraverso qualsiasi difesa o barriere, e perforare come una lama il corpo dell'avversario in un unico movimento fulmineo e quasi impossibile da evitare. Inoltre Sasuke Uchiha ne sviluppa due personali varianti: bo e bo.
flusso del chidori
Detta "Chidori Nagashi" o Corrente dei Mille Falchi. Versione superiore del Mille falchi. Sasuke in grado di emanare l' attacco da ogni parte del suo corpo e di confluirlo nella sua katana (classica spada giapponse) per aumentare ulteriormente il potere distruttivo. Questa tecnica permette inoltre all' utilizzatore di respingere qualsiasi attacco proveniente dagli avversari come fatto vedere nel manga da Sasuke contro Sai, Naruto, Sakura e lo stesso Yamato; riuscendo persino a ferirli.
aghi dei mille falchi
Detta anche "Chidori Senbon ". Si basa sulla ricomposizione del Chakra di tipo fulmine. Il ninja emana da ogni punto di fuga il proprio chakra elettrico ed in grado di concentrarlo su un'unica mano, e di sviluppare aghi di piccole dimensioni o lame molto lunghe, a seconda della tattica utilizzata e del Chakra a disposizione,questo tipo di attacco capace di trafiggere qualsiasi cosa che incontri. una tecnica che utilizza la prima volta contro Orochimaru costretto a letto, infilzandone le braccia, e di cui poi fa largo uso contro Deidara e Itachi. Nell'ultimo combattimento contro il fratello, viene mostrato come Sasuke sia anche capace di far defluire il Chakra dalla lama (in modo da poter infilzare la sua vittima in molteplici punti del corpo)



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://mondogiapponese.forumattivo.com
 
mille falchi(chidori)
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» CERCHIETTI PER CAPELLI
» I "mille" movimenti indipendentisti/autonomisti in Italia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
mondo giapponese :: naruto :: tecniche-
Vai verso: